Statuto

Scarica lo statuto in PDF

STATUTO DELL’ASSOCIAZIONE

“GRUPPO STORICO POMPIERI VALCHIAVENNA”

ART. 1- DENOMINAZIONESEDEDURATA

E’ costituita in Chiavenna (SO) l’associazione denominata “GRUPPO STORICO POMPIERI VALCHIAVENNA”, che ha sede in via Francesco Novi n°1 Chiavenna. (So).

L’associazione ha durata illimitata nel tempo.

ARTICOLO 2- OGGETTO

L’associazione ha carattere culturale, apolitico, libero e indipendente e non prosegue alcun scopo di lucro, né diretto né indiretto. Scopi del sodalizio sono:

a)   la raccolta, il collezionismo e la custodia di tutto il materiale e di mezzi di servizio e di documentazione storica attinente all’attività pompieristica in Valchiavenna;

b)   Io sviluppo ed il sostegno del collezionismO di materiale e documentazione storica attinente all’attività pompieristica in Italia, ed in particolare nella Valchiavenna;

c)   la gestione e la custodia detta raccolta storica è esposta presso i locali del Distaccamento di Mese (SO);

d)   la promozione, il patrocinio, l’organizzazione e l’allestimento di mostre, anniversari e di qualsiasi altra manifestazione pubblica o privata di testimonianza e celebrazione dell’attività dei Vigili del Fuoco della Valchìavenna;

e)   la partecipazione a manifestazioni di piazza, a fiere o feste pubbliche, con I’allestimento di stand o padiglioni informativi e documentativi dell’attività — attuale o storica — dei Vigili del Fuoco della Valchiavenna e l’eventuale esposizione di materiale storico;

f)    la sensibilizzazione e la promozione, specie nelle scuole dell’obbligo, dell’attività dei Vigili del Fuoco;

g)   il perseguimento di tutte quelle iniziative ritenute atte a sviluppare o sostenere le attività sopra elencate.

L’associazione si propone di aderire alle proposte culturali della Valchiavenna in armonia con le attività museali e culturali della Comunità Montana. La gestione delle attività Sociali sopra indicate non deve ritenersi compresa tra quelle istituzionali del Corpo Nazionale Vigili del Fuoco.

ARTICOLO 3- PATRIMONIO

Il    patrimonio dell’Associazione è composto dalle seguenti voci:

—  quote associative annuali che i soci debbono versare nella misura stabilita annualmente dal Comitato Direttivo;

—  lasciti o donazioni effettuati da privati a favore dell’associazione;

—  ricavato da raccolte di fondi in occasione della partecipazione ad iniziative e manifestazioni di vario genere organizzate in occasione di festività o fiere pubbliche;

—   eventuali contributi di enti pubblici o privati;

—   dal materiale raccolto e custodito dall’associazione.

Il materiale espositivo storico/documentario è di proprietà dell’Associazione.

ARTICOLO 4- SOCI

AI sodalizio possono essere iscritti coloro che fanno parte o hanno fatto parte del personale permanente o volontario dei Distaccamenti del Comando Provinciale di Sondrio, nonché i simpatizzanti che il Comitato Direttivo ritenga meritevoli d’iscrizione.

sono le seguenti categorie di soci:

a) soci ordinari: la loro attivita è disciplinata a partire dal quarto capoverso fino alla fine del prossimo articolo.

b) soci simpatizzant: contribuiscono a sostenere l’attività dell’associazione.

c) soci onorari: persone che si sono distinte per particolari benemerenze nel contesto dell’attività relative ai compiti.

    dell’associazione

i soci di cui ai punti (b) (c) non hanno diritto di voto

Con l’adesione all’Associazione, l’associato si obbliga al pieno rispetto di tutte le norme dello Statuto e di regolamento dell’Associazione.

Sull’ammissione ed espulsione dei Soci decide il Comitato Direttivo a maggioranza ~ con decisione motivata, ma insindacabile.

I Soci sono tenuti a contribuire alle spese Sociali versando la quota associativa. Fino al versamento della quota annuale l’iscrizione, ancorché deliberata dal Comitato Direttivo, non avrà efficacia ed il socio non potrà essere iscritto nel libro-soci.

Il mancato versamento della quota annuale alla scadenza stabilita comporta la sospensione automatica da qualsiasi carica ed attività dell’associazione.

Gli appartenenti all’Associazione sono tenuti a partecipare alle attività istituzionali con impegno, lealtà, senso di responsabilità e spirito di collaborazione, nel pieno rispetto delle prerogative stabilite agli organi sociali.

Ciascun socio deve comunicare il proprio indirizzo e le successive variazioni e, qualora ne sia in possesso, il proprio indirizzo e-mail, che sarà inserito nel libro-soci per le eventuali comunicazioni.

L’indirizzo dichiarato farà fede nei confronti dell’associazione a tutti gli effetti e le comunicazioni inviate a quell’indirizzo si considereranno ricevute a tutti gli effetti. La qualità di Socio si perde:

a) per dimissioni;

b)  per radiazione, come conseguenza automatica del mancato pagamento di due annualità consecutive della quota annuale;

c)  per espulsione, conseguente a:

—  violazione ripetuta delle norme del presente statuto o del regolamento interno emanato dal Comitato Direttivo;

—  sentenza definitiva penale di condanna per reati contro il patrimonio o per qualsiasi altro reato con irrogazione di pena detentiva non inferiore a tre anni;

— comportamenti Iesivi dell’onore e della dignità del corpo dei Vigili del Fuoco o dell’Associazione

L’espulsione sarà comminata dal Comitato Direttivo, previa audizione dell’interessato.

ARTICOLO 5- ORGANI DELL’ASSOCIAZIONE

Sono organi deIl’AssociaziOne

—    l’Assemblea dei Soci;

—    il Comitato Direttivo;

—     il Collegio dei Revisori;

—     il Presidente;

—     il Vice Presidente;

—     il Segretario.

Tutte le cariche sociali sono gratuite, salvi i rimborsi di spese sostenute per ragione

della carica e debitamente documentate.

ARTiCOLO 6- ASSEMBLEA DEI SOCI

L’Assemblea dei Soci è il massimo organo deliberante dell’Associazione. Hanno diritto di partecipare all’assemblea tutti i soci iscritti nel libro-soci ed in regola con il pagamento della quota annuale. Essa si riunisce, ordinariamente, una volta l’anno, entro il mese di marzo, per l’esame e l’approvazione del conto consuntivo e del conto preventivo. Essa si riunisce in via straordinaria ogni qualvolta il Comitato Direttivo lo ritenga necessario o quando ne sia fatta richiesta dal Presidente o da tanti soci che -~ rappresentino almeno il 10% degli associati. L’assemblea è convocata dal Presidente con awiso inviato all’indirizzo degli associati risultante dal libro-soci, con avviso inviato almeno 10 (dieci) giorni prima di quello fissato per l’adunanza. L’avviso deve indicare il giorno, l’ora ed il luogo della r -riunione, l’ordine del giorno, l’elenco delle materie da trattare e l’eventuale giorno, ora e luogo della seconda convocazione, che non potrà mai essere nello stesso giorno della prima. L’avviso di convocazione — con le indicazioni di cui sopra — può essere validamente inviato, a discrezione del Presidente, anche all’indirizzo e-mail di ciascun associato quale risultante nel libro-soci e spedito almeno 8 (otto) giorni ~ prima di quello fissato per l’adunanza. L’assemblea è presieduta dal Presidente in carica assistito dal Segretario. All’assemblea spettano i seguenti compiti:

a)   eleggere il Comitato Direttivo;

b)  definire le linee generali dell’azione dell’associazione, discutere e l’attività svolta e deliberare l’attività da svolgere;

c)   discutere ed approvare eventuali modifiche dello statuto Sociale;

d)    deliberare l’adesione ad associazioni o iniziative che perseguano le finalità analoghe a quelle dell’associazione;

e)    deliberare l’eventuale scioglimento dell’Associazione e la destinazione dei beni e del materiale presente nella raccolta storica.

Ciascun associato può farsi rappresentare da altro associato. Ciascun associato non può rappresentare più di cinque associati. Nelle deliberazioni che riguardano la nomina e la responsabilità degli amministratori o del Collegio dei Revisori la rappresentanza non può essere conferita a membri del Consiglio di Amministrazione o del Collegio dei Revisori. La delega deve essere specifica per la singola assemblea e deve essere rilasciata per iscritto e conservata a cura del Presidente negli atti dell’associazione. Non è ammessa una delega per più assemblee diverse. L’assemblea si reputa validamente costituita quando siano presenti, in prima convocazione, la maggioranza assoluta degli associati aventi diritto di voto. In seconda convocazione essa è validamente costituita qualunque sia il numero degli associati presenti.Spetta al Presidente constatare la validità della riunione e verificare la regolarità delle eventuali deleghe. Una volta che la riunione sia stata dichiarata valida essa non può più essere inficiata per l’eventuale allontanamento di uno o più soci dal luogo della assemblea. L’assemblea delibera validamente di regola a maggioranza dei voti dei presenti. Le deliberazioni riguardanti modifiche al presente statuto sono deliberate, sia in prima che in seconda convocazione con il voto favorevole della maggioranza degli i associati aventi diritto di voto. Lo scioglimento dell’associazione e la devoluzione del patrimonio sono deliberate, sia in prima che in seconda convocazione, con il voto favorevole di tanti associati che rappresentino almeno i (trequarti) degli associati aventi diritto di voto. Le deliberazioni dell’Assemblea, prese a norma del presente statuto, sono vincolanti per tutti i soci, anche quelli assenti o dissenzienti. Non è ammesso il voto segreto, se non per le deliberazioni relative all’azione di responsabilità nei confronti di amministratori, membri del Collegio dei revisori o di singoli soci

ARTICOLO 7- IL COMITATO DIRETTIVO

Il   Comitato Direttivo è composto da 3 a 11 Consiglieri, nominati dall’assemblea ordinaria tra gli associati. Essi durano in carica 3 (tre) anni e sono rieleggibili.Il   Comitato Direttivo è l’organo amministrativo dell’associazione. Ad esso spettano tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione, ad eccezione che per l’acquisto a titolo oneroso o l’alienazione di immobili e per la concessione di garanzie reali su beni di proprietà dell’associazione e comunque per la concessione di garanzie per debiti di terzi.

Inoltre spetta al Comitato Direttivo:

a)  eleggere al proprio interno il Presidente e il Vicepresidente dell’AssociaZiOne

b) eleggere il Segretario dell’Associazione

c) convocare l’Assemblea e stilare l’ordine del giorno;

d) predisporre il conto consuntivo e quello preventivo da sottoporre all’assemblea;

e) eseguire le deliberazioni dell’Assemblea,

f)  applicare e far osservare le norme statutarie;

g)  stabilire la quota annuale di Associazione e destinare l’impiego delle quote associative stesse;

h)  redigere un eventuale regolamento interno dell’associazione, nel rispetto del presente statuto;

i)  custodisce tutti i libri ed i documenti, contabili o no, dell’associazione.

La carica di consigliere si perde per dimissioni, per revoca o per decadenza. La revoca è deliberata dall’assemblea per giusta causa.

Si decade dalla carica di membro del Comitato Direttivo per:

—   perdita della qualifica di associato;

—  per la mancata partecipazione con o senza motivo, a quattro sedute consecutive del Comitato Direttivo.

Il  membro del Comitato Direttivo che perda la qualifica di vigile del fuoco in servizio effettivo, conserva la carica fino alla scadenza naturale.Nel caso di dimissione, revoca o decadenza di uno o più consiglieri, il Comitato Direttivo provvede alla sostituzione temporanea, convocando tempestivamente l’assemblea per la ratifica della nomina dei sostituti, i quali restano in carica fino alla scadenza del mandato dell’intero Comitato Direttivo.Nel caso di dimissione, revoca o decadenza della maggioranza dei membri del Comitato Direttivo, decade l’intero collegio, I superstiti restano in carica solo per il compimento degli affari urgenti ed indilazionabili, e devono convocare l’assemblea entro 15 (quindici) giorni per deliberare sulla nomina del nuovo Comitato e per  ratificare gli atti compiuti nel frattempo.

ARTICOLO 8- FUNZIONAMENTO DEL COMITATO DIRETTIVO

Il   Comitato Direttivo è convocato dal Presidente, a sua discrezione o quando ne sia fatta richiesta da almeno 1/3 (un terzo) dei membri in carica, mediante avviso spedito a ciascun consigliere all’indirizzo risultante dal libro-soci, almeno 5 (cinque) giorni prima di quello fissato per l’adunanza.L’avviso può essere inviato anche tramite fax o posta elettronica all’indirizzo e-mail risultante dal libro-soci, almeno 3 (tre) giorni prima di quello fissato per l’adunanza. L’avviso deve contenere l’ordine del giorno e l’elenco delle materie da trattare. La riunione si considera validamente costituita quando siano presenti la maggioranza dei consiglieri in carica, Il comitato delibera a maggioranza dei voti dei presenti. In caso di parità di voti prevale il voto del Presidente.

ARTICOLO 9— IL PRESIDENTE E IL VICEPRESIDENTE

li     Presidente dell’Associazione ha la rappresentanza del sodalizio.

Il     Presidente:

a)  convoca e presiede il Comitato Direttivo;

b) convoca l’assemblea dei Soci e ne esegue le deliberazioni;

c)  è responsabile dell’espletamento delle attività, dell’assoluto rispetto delle norme statutarie e dei fatti amministrativi compiuti in nome e per conto del sodalizio;

d) redige, al termine del triennio, relazione sull’attività svolta dall’Associazione, da sottoporre all’assemblea dei Soci.                                                                                                                                                                                                 In caso di assenza o impedimento del Presidente, tutte le sue funzioni e prerogative sociali vengono attribuite al Vicepresidente.

ARTICOLO 10- IL SEGRETARIO

Il Segretario:

a)  cura l’aggiornamento dei libri sociali;

b) redige e sottoscrive i verbali delle assemblee e delle riunioni del Comitato Direttivo;

c)  provvede al disbrigo della corrispondenza sotto il controllo del Presidente, che ha il potere di firma;

d)    collabora, sotto la direzione o per delega del Presidente, per la buona riuscita delle attività Sociali;

e)  provvede alla riscossione delle entrate e al pagamento delle spese dell’Associazione, previo mandato del Presidente;

f)     redige e mantiene aggiornato l’inventano dei beni dell’Associazione

ARTICOLO 11 - ATTIVITA’ DELL’ASSOCIAZIONE

L’attività dell’Associazione deve affiancarsi, integrarsi e stimolare quella delle strutture civiche e delle altre associazioni aventi affinità con la medesima.

ARTICOLO 12- MATERIALE STORICO E DOCUMENTARIO

Per tutta la durata dell’Associazione, il materiale storico e documentario di proprietà dell’Associazione stessa deve ritenersi inalienabile, salvo possibilità di permuta con altro materiale tecnico-storico ritenuto compatibile con le finalità istituzionali dell’associazione. In tal caso l’eventuale permuta deve essere preventivamente autorizzata dall’Assemblea.

ARTICOLO 13- SCIOGLIMENTO DELL’ASSOCIAZIONE

Nel caso in cui gli scopi sociali non siano più perseguibili per qualsivoglia motivo, l’Assemblea dei Soci delibera lo scioglimento dell’Associazione.Tutto il materiale raccolto di proprietà dell’Associazione deve essere destinato a enti o associazioni che possano garantire il proseguimento delle finalità culturali dell’associazione.

Nell’impossibilità di dare esecuzione a quanto stabilito nel comma precedente, il materiale può essere venduto e il ricavato devoluto in beneficenza, secondo gli scopi deliberati dall’Assemblea all’atto dello scioglimento.

il materiale concesso in uso da privati o enti, a titolo espositivo verrà restituito ai proprietari salvo diversi accordi scritti presi con l’associazione.

in caso di impossibilità  di vendita, il materiale dovrà essere distribuito ai Soci regolarmente iscritti al sodalizio al momento dello scioglimento, secondo modalità da stabilirsi in sede di delibera di scioglimento.

Il fondo di cassa esistente al momento dello scioglimento, previa liquidazione di tutti i debiti esistenti, deve essere devoluto in beneficenza, secondo gli scopi deliberati dall’Assemblea. In ogni caso non è mai consentita alcuna distribuzione di risorse, di utili o di avanzi di esercizio agli associati.

ARTICOLO 14- NORMA FINALE

Per quanto non previsto nel presente statuto valgono le disposizioni di legge vigenti in materia di associazioni non riconosciute.